Pasta frolla

Le proporzioni che seguo sono 3:2:1, dove 3 etti di farina, 2 etti di burro, 1 etto di zucchero. Per una pasta frolla molto delicata ma difficile da lavorare non metto uova, altrimenti solo uno, leggermente sbattuto prima di aggiungerlo.

Ammornidire il burro a temperatura ambiente, eventualmente col mattarello, tagliarlo senza toccarlo (cercare sempre di usare le mani il meno possibile), spargere lo zucchero. Mescolare con una spatola, fino a quando il burro è ricoperto di zucchero. Aggiungere la farina setacciata, la vanillina e il sale. Impastare fregando farina e burro tra le dita, creando tante briciole. Fare una fontana e inserire l' uovo. Impastare ancora, quindi compattare il composto, avvolgerlo nella pellicola e mettere in frigorifero per almeno mezz'ora. Naturalmente con l'impastatrice è molto più facile.

Togliere dalla pellicola e spianarla tra due fogli di carta da forno, così non si attacca alla spianatoia. Per avere uno spessore regolare, mettere la pasta frolla tra due listelli di legno su cui far scorrere il mattarello. Per le torte bucherellare il fondo, soprattutto quando si vuole solo il guscio da riempire successivamente. La teglia non va imburrata in quanto è un impasto di burro. Per la frolla al cioccolato sostituire una parte della farina col cacao. Infornare a 200° fino a cottura